SANITÀ

L’allarme: “5mila medici di famiglia in meno nei prossimi 5 anni senza possibilità di ricambio”

Scritto da CYBERMED NEWS
facebook Share on Facebook
 
Cinquemila medici in 5 anni, è questa la stima dei camici bianchi che verranno a mancare in Italia per effetto dei pensionamenti e che riguarderà i medici di famiglia così come quelli del Servizio sanitario nazionale. A lanciare l'allarme è la federazione dei medici di medicina generale. "Siamo stufi di allarmi, analisi, fabbisogni – spiega il segretario Silvestro Scotti - sulle necessità di investimenti necessari e urgenti per compensare i pensionamenti dei medici di famiglia che nei prossimi cinque/otto anni priveranno 14 milioni di cittadini di questa figura professionale. Appare quasi ridicolo assistere al fatto che nessuna forza politica che aspira a governare il Paese proponga e si impegni sul tema dell'assistenza territoriale, della cronicità e della non autosufficienza in un Paese che, per caratteristiche demografiche, avrà soprattutto bisogno di un'assistenza medica domiciliare, residenziale e di prossimità".


Un allarme, quello della scarsità di medici, ancora maggiore a 10 anni: al 2028, infatti, saranno andati in pensione 33.392 medici di base e 47.284 medici ospedalieri, per un totale di 80.676. "Forse bisognerà per paradosso pensare che senza nuovi giovani tanto vale destinare le risorse dei contratti al prepensionamento/rottamazione dei medici di medicina generale - continua Scotti. Vista la totale mancanza di programmazione che riguarda la sanità e soprattutto l'assistenza territoriale facilitiamo il compito a chi silenziosamente vuole distruggere noi e il SSN.

Dopo anni di denunce non ci resta che la massima provocazione e quindi esca allo scoperto chi (partito, uomo politico, funzionario di stato o regionale) ha il coraggio di sedersi a un tavolo del genere per destinare le somme e i costi del nuovo e dei futuri ACN direttamente all'ente previdenziale e conseguentemente rottamare la medicina di famiglia. Almeno i cittadini sapranno da subito cosa li aspetta ovvero l'avvio allo sfasciacarrozze del servizio sanitario nazionale".
 
http://www.federfarma.it/Edicola/Filodiretto/VediNotizia.aspx?id=16437&titolo=L%92allarme-5mila-medici-di-famiglia-in-meno-nei-prossimi-5