SANITÀ

Disturbi psiche, al Pronto soccorso 585mila italiani nel 2016

Scritto da CYBERMED NEWS
facebook Share on Facebook
 
Nevrosi, attacchi di panico, stati d'ansia: ad intasare i Pronto soccorso sono anche gli italiani colpiti da disturbi psichiatrici di questo tipo, che non necessitano di un ricovero e che potrebbero essere invece trattati in modo più mirato dalla rete dell'assistenza territoriale.


A rivelarlo è l'ultimo Rapporto sulla salute mentale pubblicato dal ministero della Salute: nel 2016, infatti, sono state circa 600mila le persone arrivate in Pronto soccorso per patologie psichiatriche, ma solo in una ridotta percentuale di casi si è reso necessario il ricovero ospedaliero.

«Gli accessi al Pronto Soccorso per disturbi psichiatrici - spiega lo psichiatra Massimo Cozza, coordinatore del Dipartimento di Salute Mentale dell'ASL Roma 2, il più grande d'Italia con circa 1,3 milioni di abitanti - nel 2016 sono stati 575.416, pari al 2,8% del numero totale di accessi, in leggero calo rispetto al 2015 quando se ne totalizzarono 585.087. Va però segnalato che ben 274.363 sono gli accessi nel 2016 per sindromi nevrotiche e somatoformi (47,7%), che avrebbero potuto essere gestite a livello territoriale». I ricoveri, sottolinea, si sono resi necessari solo nel 13% dei casi.
 
http://www.federfarma.it/Edicola/Filodiretto/VediNotizia.aspx?id=17027&titolo=Disturbi-psiche,-al-Pronto-soccorso-585mila-italiani-nel-201

Categoria: