RICERCA

Integratori per infertilità maschile non sono efficaci

Scritto da CYBERMED NEWS
facebook Share on Facebook
Spesso utilizzati contro l'infertilità maschile, gli integratori a base di antiossidanti non sono efficaci nell'aumentare la possibilità di concepire naturalmente. A fare chiarezza è un ampio studio clinico eseguito in otto centri di fertilità degli Stati Uniti e presentato alla 34ma riunione annuale dell'ESHRE, la Società Europea di Riproduzione Umana ed Embriologia.


L'indagine è stata condotta su 174 coppie ai cui uomini era stata diagnosticata infertilità del fattore maschile sulla base di parametri spermatici misurati all'inizio del prova e dopo tre mesi. Nel frattempo, a un gruppo di loro è stato somministrato un supplemento giornaliero in compresse contenente vitamine C, D3 ed E, acido folico, zinco, selenio e L-carnitina; il gruppo di controllo ha ricevuto un placebo.

A tre mesi, i risultati hanno mostrato solo una "leggera" differenza nella concentrazione spermatica tra i due gruppi e nessuna differenza significativa nella morfologia, nella motilità o nella misurazione della frammentazione del DNA. Anche il tasso di gravidanza non differiva in modo sostanziale: era del 10,5% nel gruppo antiossidante e del 9,1% nel placebo.

In precedenti studi, gli antiossidanti sono stati collegati a miglioramenti nella qualità dello sperma ma erano limitati da piccoli numeri ed eterogeneità nei pazienti. Il nuovo studio controllato randomizzato, conclude l'autrice, Anne Steiner dell'Università della Carolina del Nord a Chapel Hill, negli Usa, «è stato progettato per colmare queste lacune e fornire prove più solide». E «i risultati non supportano l'uso empirico della terapia antiossidante per l'infertilità da fattore maschile in coppie che cercano di concepire naturalmente».
 
http://www.federfarma.it/Edicola/Filodiretto/VediNotizia.aspx?id=17424&titolo=Integratori-per-infertilita-maschile-non-sono-efficaci
 

Categoria: