inquinamento

  • facebook Share on Facebook

    Un nuovo paradigma per la prevenzione"

    Roma - 28 Gennaio 2018

    Consorzio Universitario Humanitas - Via G. Belli, 86

    Inizio registrazioni ore 08.30

    Programma Convegno

  • facebook Share on Facebook
    inquinamento

    Gli inquinanti presenti nell'ambiente possono 'prendere il controllo' del Dna, accedendo in questo modo alcuni geni piuttosto che altri e aprendo così la strada a malattie cardiache e respiratorie. È quanto emerge dalla prima indagine basata sull'analisi del Dna di oltre mille individui. La ricerca, pubblicata sulla rivista Nature Communications, è stata condotta in Canada, dal gruppo dell'Ontario Institute for Cancer Research guidato da Philip Awadalla. Dall'analisi del Dna raccolto da campioni di sangue, sono stati individuati gli effetti di polveri sottili, biossido di azoto e biossido di zolfo.

  • facebook Share on Facebook
    inquinamento pfas

    Negli animali e nell'uomo l’inquinamento altera lo sviluppo del sistema riproduttivo-sessuale, riducendo la fertilità. Uno studio sperimentale effettuato dal professore Carlo Foresta dell’università di Padova ha individuato il meccanismo attraverso il quale i Pfas interferiscono con l’azione del testosterone, bloccando il suo recettore.

    In molti studi sperimentali negli ultimi anni è stato ipotizzato che le sostanze perfluoroalchilanti (PFAS) possono agire come interferenti endocrini.

  • facebook Share on Facebook
    inquinamento

    Oggi nel mondo l’inquinamento è la più grande causa ambientale di malattia e morte, responsabile di circa 9 milioni di morti premature. Sono i numeri diffusi dalla rivista The Lancet, risultato della Commission on Pollution and Health, un progetto biennale che ha coinvolto oltre 40 autori di vari paesi del mondo.

    Nei paesi più gravemente colpiti, le malattie correlate all’inquinamento sono responsabili di più di una morte su quattro. L’esposizione all’aria, all’acqua e al suolo contaminati uccide più persone di quanto facciano obesità, alcol, incidenti stradali e malnutrizione.

    Lo studio evidenzia inoltre che quasi il 92% delle morti legate all’inquinamento si verifica in paesi a basso e medio reddito. I bambini sono i più colpiti e affrontano i rischi più alti, perché vittime di malattie permanenti, disabilità e decessi che possono scaturire anche da brevi esposizioni alle sostanze chimiche inquinanti in utero e nella prima infanzia.

     

    http://www.informasalus.it/it/articoli/inquinamento-morti-premature-anno.php

  • facebook Share on Facebook
    smog

    L'inquinamento indebolisce le ossa favorendo l'osteoporosi: ecco perché i ricoveri per frattura aumentano al crescere dell'inquinamento atmosferico. È quanto emerge da una ricerca pubblicata sulla rivista The Lancet Planetary Health e condotta presso la Columbia University's Mailman School of Public Health.

  • facebook Share on Facebook
    inquinamento

    L’esposizione alle particelle fini che caratterizzano l’inquinamento atmosferico influenza negativamente la qualità degli spermatozoi e la fertilità degli uomini. È quanto evidenzia lo studio di un gruppo di scienziati guidati da Xiang Qian Lao, del Jockey Club School of Public Health and Primary Care della Chinese University di Hong Kong. Lo studio è stato pubblicato su BMJ Occupational and Environmental Medicine.